Architetture a Roma
.
Ponte della Musica (2011)
Progetto: Buro Happold Consulting Engineers

E' il primo ponte costruito a Roma dopo il ponte Pietro Nenni (1974). Il ponte della musica è il primo ad essere stato progettato per il passaggio soltanto pedonale; in seguito la struttura è stata rinforzata nella zona centrale per permettere il futuro passaggio di veicoli ecologici e tram.
Infatti il ponte fa parte di un progetto a livello urbanistico che prevede la realizzazione di una "linea culturale" che, partendo dalla Galleria Nazionale d'Arte Moderna, arriva ai musei vaticani, passando per valle giulia, stadio Flaminio, MAXXI, viale Pinturicchio, piazza Maresciallo Giardino, viale Mazzini e via Ottaviano.
Strutturalmente il ponte ha due archi metallici ribassati che sostengono l'impalcato metallico mediante una serie di 12 tiranti in acciaio; gli archi sono inclinati rispetto alla linea ideale formata dagli appoggi il calcestruzzo armato degli stessi; inoltre i tiranti sono aggaciati sull'impalcato in corrispondenza della linea immaginaria, andando così a creare una rigidezza strutturale per forma.
L'impalcato è lungo 190 m e largo 22 m al centro e 14 m alle estremità la parte dell'impalcato (quella compresa tra i due archi) è rivestita con l'asfalto, mentre quella agli estremi è rivestita con il legno bankirai.

Indirizzo: piazza Gentile da Fabriano (Circoscrizione 2)

Autore articolo: Flavio Martella

Licenza Creative Commons