Architetture a Roma
.
Palazzo dell'INAIL (1996)
Progetto: G. Valle

E' un'opera di restauro dell' edificio dell'Alitalia, costruito nel 1965. A metà degli anni ottanta il grattacielo fu venduto all'IBM che decise di ristrutturarlo e renderlo più efficiente dal punto di vista del risparmi energetico e sulle norma di sicurezza; inoltre vi era la presenza di amianto in facciata.
L'opera di ristrutturazione prevedeva lo studio dei prospetti secondo nervature orizzontali di colore blu e bianco (i colori dell'IBM); queste sono realizzate con vetri strutturali riflettenti per il blu, e pannelli in alluminio verniciato di bianco. Inoltre la pianta venne bombata nei lati lunghi, abbandonando la forma rettangolare.
L struttura portante è rimasta la stessa della precedente versione dell'edificio, ovvero un nucleo centrale in cemento armato, e le travi ed i pilastri esterni a questa, in acciaio.
Internamente è stato ripensato ogni piano per rispettare le vigenti norme di sicurezza,e per garantire benessere lavorativo.
Il palazzo si relaziona con il quartiere circostante, caratterizzato dalla presenza del marmo bianco, grazie al suo basamento in travertino; questo inoltre richiama l'orizzontalità del palazzo stesso grazie a delle striature orizzontali.
Pochi anni dopo la ristrutturazione l'edificio fu venduto dall'IBM e comprato dall'INAIL, che lo rese la sua sede direttiva generale.

Indirizzo: via dell'Arte, 40 (Circoscrizione 12)

Autore articolo: Flavio Martella

Licenza Creative Commons