Architetture a Roma
.
Chiesa dei Santi Pietro e Paolo (1955)
Progetto: A. Foschini, A. Energici, V. Grassi, N. Ena, T. Rossi, C.Vetriani

I lavori di costruzione della chiesa partirono nel 1939, solo che a causa dei bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale, si prolungarono fino al 1955. La struttura della chiesa è a croce greca a pianta centrale; questa si presenta come un cubo sormontato da una cupola emisferica di 32 m di diametro rivestita di piastre di bronzo, con alla sommità un angelo di bronzo scolpito da Carmelo Abate.
La facciata principale viene completata da due quinte a portico e le statue dei Santi Pietro e Paolo realizzate da Ponzi e Nagni; inoltre questa viene centrata e inquadrata dall'imponente scalinata in travertino che parte da viale Europa e scala la collina dove è situata la chiesa. Tutta la struttura è interamente rivestita da travertino romano e pietra di "Chiampo paglierino di Vicenza".
L'interno è caratterizzato da una situazione neutra, poco arricchita, in contrasto con la concezione classica di chiesa presente a Roma; subito dietro all'altare è presente la statua di Cristo realizzata da A. Selva; a sinistra, invece, è situata la cappella dell'Immacolata Concezione, arricchita col mosaico di B. Saetti.

Indirizzo: piazzale dei Santissimi Pietro e Paolo (Circoscrizione 12)

Autore articolo: Flavio Martella

Licenza Creative Commons