Architetture a Roma
.
Ministero della Salute (2008)
Progetto: Studio Transit
Progetto architettonico: G. Ascarelli, A. Pistolesi, M. De Micheli, S. Vinci
Progetto strutturale: G. Grella

La costruzione introduce alla piazza interna, centro della composizione urbana di tutto l'Europarco. Ha una sagoma architettonica che si articola su tre lati; tra il lato che dà su via dell'Oceano Pacifico e quello che dà su via Giorgio Ribotta la sagoma assume una piega che addolcisce la vista dello spigolo altrimenti secco, ed invita ad addentrarsi all'interno del nuovo complesso. Particolarmente evidenziato è l'ingresso principale al complesso, il quale riprende, in verticale, i principali angoli della struttura.
In pianta la costruzione si articola apparentemente a ferro di cavallo geometrizzato, che però subisce delle variazioni accentuate dalle inclinate presenti a coronamento dei diversi fronti. L'edificio è situato, come tutto il complesso dell'Europarco, ad una quota di 16,50 m, e distribuisce attorno ad una corte interna i sei piani degli uffici.
Per diminuire la solidità delle facciate, i fianchi interni (rivestiti di marmo grigio) vengono aggettati, in sommità, verso l'esterno, mediante un taglio secco dell'elemento architettonico. I prospetti maggiori vengono invece rivestiti da vetro di tonalità verde, dove vengono arricchiti da dei frangisole nei fronti in cui l'irraggiamento solare è più sensibile.

Indirizzo: viale Giorgio Ribotta, 5 (Circoscrizione 12)

Autore articolo: Flavio Martella

Licenza Creative Commons