Architetture a Roma
.
Ufficio postale (marmorata) (1935)
Progetto: A. Libera, M. De Renzi

L'edificio è impostato su un volume simmetrico a forma di C, alto tre piani; ogni elemento costituente questo volume risponde a funzioni differenti, infatti al piano terra ci sono i servizi postali, mentre nei piani superiori, nelle ali, ci sono gli uffici e il grande salone, e nel corpo centrale c'è l'apparato telegrafico.
La parte centrale presenta uno spazio a doppia altezza, che esternamente è percepibile dalla parte posteriore dell'edificio grazie ad una grande parete a griglia, in cui i vuoti sono stati risolti utilizzando dei blocchi di vetrocemento.
Il fronte principale invece è caratterizzato da degli elementi diagonali; questi sono posizionati a copertura delle scale per il pubblico, e ne enfatizzano l'inclinazione. Il fronte principale è composto da un basamento a portico in marmo scuro, che ricollega visivamente le due ali dell'edificio ed introduce all'interno dello stesso.
La pensilina ed il salone per il pubblico sono illuminati dall'alto da un tamburo traslucido ed estruso verso l'esterno, che viene richiamato all'interno mediante l'utilizzo da una doppia serie di pilastri cilindrici in metallo. L'obbiettivo degli architetti era quello di unire modernità a tradizione mediante uno studio differente delle facciate: da un lato è presente il nuovo, indicato dagli elementi diagonali e dalla dinamicità stessa del fronte, dall'altro invece è forte la regolarità e la modularità tipiche per l'epoca

Indirizzo: Via Marmorata 4 (Circoscrizione 11)

Autore articolo: Flavio Martella

Licenza Creative Commons