Architetture a Roma
.
Centro Idrico di Vigna Murata (1990)
Progetto: F. Palpacelli
Progetto architettonico: F. Palpacelli, Servizio Costruzioni Impianti Idrici ed Opere Edili dell' ACEA
Progetto strutturale: G. Romaro

Il Centro raggiunge un altezza complessiva di 88 metri. La sua forma si basa su tre elementi principali: la torre cilindrica con un tronco di cono rovescio che la raccorda a terra, l'anello circolare, e il cilindro sommitale.
La torre cilindrica è del piezometro ed ha 7 m di diametro, inoltre è coronata da un percorso coperto con delle vetrate; l'anello circolare è la vasca, è situata a 58 m di altezza e possiede un diametro di 34 m, con una capacità di 1700 mc; nel cilindro sommitale è situata una caffetteria panoramica e un serbatoio di accumulo, il tutto è sorretto dal tubo di adduzione dell'acqua e dagli impianti di salita. Interrati ci sono due grandi serbatoi che hanno una capacità complessiva di 36500 mc. Nonostante dovevano essere presenti molti elementi per questa struttura, l'ingegnere riesce a far coincidere tutto in pochi elementi puri e semplici, ma dalla chiara definizione spaziale, che rendono facilmente leggibile il funzionamento della struttura. Il materiale usato per la costruzione è l'acciaio corten, rivestito con pannelli di acciaio inossidabile.

Indirizzo: Via Mentore Maggini (Circoscrizione 11)

Autore articolo: Flavio Martella

Licenza Creative Commons