Architetture a Roma
.
Uffici di Roma Capitale (2009)
Progetto: Studio Seste
Progetto architettonico: A. Aymonino, F. Aymonino, M. Cimato, A. De Fazi, F. Trinca, S. D'Amore, A. De Laurentis
Progetto strutturale: M. Musmeci, V. Cassani, A. Ricci

Il progetto si struttura come un palazzo classico italiano, che presenta un basamento, un corpo e una copertura. Ognuna di queste partizioni è messa in evidenza dall'utilizzo di materiali differenti per ognuna di essi.
Il basamenti si presenta come rivestito di pietra di Arpicena chiara alternata con peperino grigio, proponendo così una rivisitazione del bugnato classico. Il corpo invece si pone come la parte più evidente dell'edificio; questo,oltre ad essere stato una decisione estetica, è stato dettato anche da esigenze costruttive, infatti, per mancanza di altezza utile all'interno, è stato necessario far passare la circolazione degli impianti all'esterno, permettendo anche una facile manutenzione mediante delle passerelle a sbalzo dalla facciata.
Questa "pelle" è una rete metallica in acciaio inox, che da lontano restituisce un'immagina dell'edificio solida, mentre da vicino ne mette in mostra la trasparenza; davanti alle finestre questa griglia è apribile a libro, permettendo il passaggio della luce in maniera diretta e rendendo sempre diversa la facciata.

Indirizzo: Piazza Giovanni da Verrazzano, 7 (Circoscrizione 1)

Autore articolo: Flavio Martella

Licenza Creative Commons