Architetture a Roma
.
Palazzo dei Congressi (1954)
Progetto: A.Libera

Il progetto per il concorso di primo grado presenta uno schema rigido e austero, che però viene modificato e reso più moderno nella versione definitiva. In questa la struttura è intesa come una composizione di due volumi monumentali, ma diversi tra loro, evidenziati per contrasto dalla soluzione per la copertura sostenuta da una struttura metallica appoggiata ai vertici del cubo di base. Lo schema attorno al quale si sviluppa la pianta dell'edificio è organizzato attorno ad una sala cubica di 36X36X36 m, dove al suo interno, in asse, sono collocati l'atrio principale, l'auditorium e l'atrio posteriore.
Lateralmente, su due piani, vi sono le sale minori e gli ambienti di servizio. Sulla copertura dell'atrio principale era previsto un giardino pensile, mentre sulla copertura dell'auditorium è stato costruito un teatro all'aperto.
L'ingresso principale si presenta evidenziato da una serie di colonne stilizzate e prive di capitello, in quanto Libera era contrario all'inserimento di colonne nell'edificio.

Indirizzo: piazza John Fitzgerald Kennedy, 1 (Circoscrizione 12)

Autore articolo: Flavio Martella

Licenza Creative Commons